Home / Gatti / Il gatto delle foreste norvegesi: il cacciatore naturale

Il gatto delle foreste norvegesi: il cacciatore naturale

Il gatto delle foreste norvegesi: il cacciatore naturale

Il gatto delle foreste norvegesi è un grande felino che si vanta di essere un cacciatore naturale. E’ un gatto dal pelo semi-lungo, estremamente resistente all’acqua, con un sotto manto molto denso che aiuta il felino a far fronte alle condizioni più dure e più fredde che si vivono spesso nella sua Norvegia natia.

Il manto è molto più denso durante i mesi invernali più freddi, ma un po’ più corto e meno spesso in estate.

Caratteristiche fisiche

Forte e robusto, ha un’espressione dolce e gentile

Hanno testa grande a forma triangolare. I loro occhi sono grandi e a forma di mandorla, disposti obliquamente ad angolo così da avere sempre un’espressione gentile e cordiale.

Le orecchie sono grandi più larghe alla base e arcuate in avanti e danno loro un aspetto molto simile a quello di un Maine. Le orecchie caratterizzano l’aspetto selvaggio.

Hanno corpo forte e robusto e gambe potenti con zampe ordinate e arrotondate. La coda, lunga e ben ricoperta di peli, accompagna il movimento elegante del gatto quando si muove.

Storia

Ottimi cacciatori, appartengono a una razza naturale

Leggendo un interessante articolo su gattoblog.it, ci siamo soffermati sulle origini di questo gatto norvegese, una razza antica che si pensa abbia viaggiato con i Vichinghi, navigando per il mondo. Il loro compito consisteva nel cacciare i topi sulle navi e si guadagnavano la reputazione di essere degli ottimi cacciatori.

Sono una razza naturale e anche se le origini esatte della razza rimangono sconosciute, ci sono molte leggende di gatti dall’aspetto simile che sono stati tenuti come animali domestici in Scandinavia fin dal 16 ° secolo.

Oggi, il gatto delle foreste norvegese è una delle razze più naturali del pianeta grazie al fatto che sono state allevate solo attraverso la selezione naturale.

Sono anche noti per essere una delle razze più robuste con i loro manti densi ed estremamente impermeabili che forniscono loro un’enorme quantità di protezione contro gli elementi.

Sono sempre stati popolari nella loro Norvegia natia e in altri paesi scandinavi, anche se all’inizio del XX secolo i loro numeri di razza sono stati visti cadere pericolosamente bassi fino al punto in cui il Gatto delle foreste norvegesi è quasi scomparso del tutto.

Salvaguardia della razza

Fortunatamente, durante gli anni ’30 gli allevatori iniziarono a salvare la razza anche se la seconda guerra mondiale ebbe un impatto sul loro lavoro.

Negli anni ’70 è stato istituito un programma di allevamento per salvare questi affascinanti gatti. Fu in quel momento che il Norvegese divenne il felino nazionale norvegese, avendo ottenuto il riconoscimento reale dal re Olaf. Oggi, la NFC rimane un compagno popolare e animale domestico di famiglia grazie alla loro natura gentile e gentile.

Cura e alimentazione

About Redazione

Leggi anche

Il cane Pastore del Caucaso

Pastore del Caucaso: un guardiano fiero e fedele

Il Pastore del Caucaso è un cane ancora poco conosciuto in Italia e in Europa, …