pulci cani e gatti
pulci cani e gatti

Pulci cane e gatto: tutto quello che bisogna sapere

Le pulci per cani e gatti sono nemici invisibili contro i quali i nostri amici pelosi devono combattere frequentemente, soprattutto nei mesi caldi. I pelosi che vivono all’aperto, o che comunque girano spesso per boschi e campagne, sono più soggetti alle infestazioni da pulci.

Le pulci sono insetti subdoli e non sempre è facile identificarle. Le femmine possono deporre fino a 50 uova al giorno, mentre i maschi possono sopravvivere fino a 12 giorni senza nutrirsi. Nello stadio di pupa però possono resistere fino ad un anno senza mangiare, per poi uscire allo scoperto nelle condizioni opportune. Si nutrono di sangue e possono infestare non solo gli animali, ma anche gli ambienti della casa.

 

Qual è il ciclo vitale delle pulci?

Per capire come eliminare le pulci di cani e gatti, bisogna conoscere il nemico. Questi esseri nauseanti si accoppiano tra i peli dei nostri animali. Le uova vengono depositate soprattutto di notte e, una volta cadute a terra, si schiudono liberando le larve. A loro volta le larve si nutrono degli escrementi delle pulci adulte e di altri materiali presenti nelle prossimità, perciò è importante tenere gli ambienti sempre puliti. Il ciclo di vita delle pulci dura circa 2-3 settimane, compresi i periodi freddi, quindi l’infestazione di questi parassiti riguarda anche i mesi invernali. Gli ambienti domestici riscaldati rappresentano infatti habitat ideali per questi insetti.

Come individuare le pulci cane e gatto?

Non sempre è facile individuare la presenza di pulci su cane e gatto, soprattutto se è minima. Risulta molto più facile scovare le feci delle pulci, che si presentano sotto forma di piccoli punti neri. Per effettuare questa operazione bisogna perlustrare il peloso, in particolare nella zona della schiena, la base della coda, il collo ed il mento. Questi puntini vanno schiacciati con un fazzoletto inumidito e, se rilasciano un alone scuro, sono feci di pulci contenente sangue digerito.

In alternativa bisogna spazzolare con appositi pettini l’amico animale, stendendo sotto di lui un lenzuolo bianco per individuare più facilmente le pulci o le feci. In commercio esistono dei pettini elettronici, capaci di uccidere direttamente le pulci.

pulci nei cani

I sintomi della presenza di pulci su cani e gatti

Febbre, prurito, pelo spezzato e diradato, infiammazioni, gengive pallide, perdita di peso, mancanza di appetito, anemia, abbattimento e dolori articolari sono sintomi tipici della presenza di pulci su cani e gatti. In questi casi è necessario portare subito l’amico a 4 zampe dal veterinario per procedere alla terapia necessaria.

Questi insetti possono inoltre trasmettere malattie pericolose sia agli animali sia agli stessi uomini. Tra le più diffuse ci sono: tenie, borreliosi, encefalite da zecche, ehrlichiosi, anaplasmosi, babesiosi e rickettsiosi.

 

Come eliminare le pulci cane e gatto?

La terapia contro le pulci di cane e gatto prevede l’utilizzo di antipulci ed antiparassitari, tra cui anche spray, shampoo, pipette spot on e collarini. Non procedere col fai da te, ma chiedi prima informazioni  al tuo veterinario di fiducia. Negli animali anziani ad esempio potrebbero essere richiesti antiparassitari più delicati e naturali a base di sostanze vegetali. Questi prodotti non hanno effetti collaterali, anche se vanno applicati con maggior frequenza. Gli antiparassitari devono inoltre essere efficaci sia contro le pulci che le larve.

Dopo aver “trattato” l’amico peloso, devi passare alla sanificazione degli ambienti. Cucce, lenzuola, copridivani, piumoni e battiscopa possono infatti trasformarsi in veri ricettacoli di pulci, perciò è opportuno procedere ad una pulizia continua degli ambienti dove vive l’animale ma in generale di tutta la casa. Ti consiglio di utilizzare il vapore negli anfratti e negli angoli dell’abitazione più difficili da raggiungere.

Le pulci cane e gatto sono uguali?

Infine un’ultima riflessione: le pulci cane e gatto sono uguali? La risposta è no. Esistono delle differenze tra le pulci di cane e gatto che è meglio conoscere.

Le pulci del gatto sono lunghe, senza ali, appiattite e possono fare notevoli salti grazie a zampe piuttosto grandi. Si differenziano da tutte le altre pulci per la presenza di pettini genali e pronotali. Le uova sono piccole e bianche ed il loro ciclo vitale può variare da 2 settimane ad 8 mesi. La pulce, quando diventa adulta, si attiva nel momento in cui percepisce il calore o il movimento dell’animale e capisce quindi che c’è la possibilità di nutrirsi. Le pulci del gatto generalmente vivono nei luoghi di riposo del gatto, come ad esempio la cesta dove dorme. Spesso qui si annidano le pupe in attesa di raggiungere la fase adulta.

Le pulci del cane si nutrono del sangue del cane ed anche dei gatti, ma raramente mordono l’uomo. Si caratterizzano per un colore nero-bruno, che diventa rosso dopo aver ingerito molto sangue. Le larve invece non hanno zampe, si presentano con un colore biancastro, sono più grandi delle pulci adulte e si nutrono di sangue secco, escrementi ed altre sostanze organiche. Le pulci del cane hanno un corpo appiattito lateralmente, quindi possono spostarsi agevolmente sull’amico peloso. Sono inoltre dotate di aculei, quindi restano aggrappate al pelo anche quando il cane si gratta. Tra l’altro sono in grado anche di saltare, quindi possono passare da un cane all’altro ed infestare prati e giardini.

Grazie a queste informazioni hai maggiori strumenti a disposizione per contrastare le pulci di cane e gatto. Come già detto rivolgiti prima ad un veterinario, così da individuare la tipologia di infestazione e procedere step by step in modo accurato alle varie operazioni necessarie per la salute dei tuoi amici pelosi e per l’igiene degli tuoi ambienti casalinghi.

About Redazione

Leggi anche

Come far mangiare il gatto quando rifiuta il cibo

Come far mangiare il gatto quando rifiuta il cibo

Hai notato che il tuo gatto mangia con riluttanza oppure, dopo aver annusato il cibo, …