Home / Animali / Specchio specchio delle mie brame. Ovvero Narcosi Narcisistica

Specchio specchio delle mie brame. Ovvero Narcosi Narcisistica

L’entrata in quella casa era tipica; a mano a mano che mi inoltravo ne scorgevo uno.

Non riuscivo a capire la sua età, forse quaranta, una maschera, gli occhi liquidi, i capelli di chi arriva da lontano, la voce una ribellione. L’impaccio delle parole un continuo guardarsi intorno come in cerca di un appoggio.

Da tempo aveva chiuso la porta alla vita; da troppo tempo la vita le aveva chiuso la porta.

Una sola luce: i suoi gatti; scopo di un’esistenza, trappola di un’esistenza.

I discorsi, di chi non ha termine di paragone, non si preoccupavano di avvicinarsi alla realtà; certi di non essere compresi.

Fuori da quel bozzolo una vita come tante altre. Si, un personaggio un po’ strano, ma chi non lo è in qualcosa.

Il suo qualcosa era un mondo a se. Quel sorriso imperscrutabile.

Ogni volta che uno di loro si avvicinava lo sguardo si illuminata, la
voce cristallina, le carezze, un che di sensuale, parlavano di un tempo
esclusivo. I gatti, lei, tutt’ intorno il silenzio. Le frasi un po’
scontate di quelle che purtroppo sento sempre più spesso:
” i gatti danno l’amore che nessuno essere umano è capace di dare “.
L’elenco delle occasioni non colte ” per non lasciarli soli ” costo e
ricavo di un’esistenza.
La voce di chi avrebbe voluto tornare alla realtà. Il dipendente che
non ha la forza di allontanarsi dal suo piacere, dal suo tossico.
Ce n’era sempre qualcuno malato questo le dava ogni volta molta
preoccupazione però poi non seguiva le terapie che venivano indicate:
le modificava quasi sistematicamente perché diceva di conoscere i suoi
gatti molto meglio di qualsiasi medico. A dire il vero ci fu un tempo
in cui nessuno di essi presentò ” magagne ” ; fu proprio in quel
periodo che decise di portare in casa l’ultima arrivata; raccolta dalla
strada, piena di tutto quanto possa colpire uno di essi e
naturalmente…. gravida!
Un’altra dose di ” autonomia “.
È questa una storia estrema? Una storia tanto rara? Per rispondere a
questi interrogativi bisognerebbe andare ad analizzare alcuni ” amore
per gli animali “. La cura oltre limite, l’amore senza confini, spia di
qualcosa che con gli animali ha poco a che vedere.
Chiedo scusa per l’ovvietà appena espressa ma nonostante la banalità
quando ci troviamo in contatto con queste persone le liquidiamo subito
con un ” è un grande amante degli animali “. Forse per pulirci la
coscienza? Per non sobbarcarci una situazione di disagio? O forse
perché se non tocca noi tutto va bene?
Chi vive una condizione del genere è dipendente, sedotto, poco libero
nelle scelte. La dipendenza non è dall’animale, come si potrebbe
pensare, ma da sé stessi. La persona vive l’animale come uno specchio
su cui riflettere quella parte di se che richiede attenzione, amore,
stima e quant’altro ; si prende cura del gatto o del cane in realtà
proietta sull’animale quella parte di se che al momento vive uno stato
deficitario: cura per curare se stesso; ama per sentirsi amato;
rassicura perché ha paura.
L’animale parte di se.
Perché specchio? Il rapporto è asimmetrico, di dipendenza, guidato
dall’uomo, il quale interpreta atteggiamenti propri del cane e del
gatto come atti di adorazione nei suoi confronti. Questo purtroppo
provoca piacere, stimola l’ io narciso: ” sono necessario per la vita
di qualcuno “, lenisce le pene, attenua le asperità di certi momenti.
Si potrà dire che la funzione dell’animale da compagnia è proprio
questa, ma quando ciò allontana sempre più dal resto del mondo già
ricco di ” lupi solitari “, perché con il mondo umano ci si deve
confrontare e spesso scontrare, scendere a compromessi mentre il gatto
nemmeno parla, la scelta è fin troppo facile, quanto deleteria.
L’animale via di fuga, trappola.
Le esperienze narcisistiche sono piuttosto frequenti con i nostri
animali e fin qui nulla di grave la cosa si fa importante quando ad
esse si assomma la nascosi: il piacere beato, l’estasi da cui è
difficile sottrarsi, medicina di tutti mali, velo pietoso, fossato
sempre più profondo. L’isolamento diventa solitudine progressiva ed è
inevitabile. Ad un certo punto neanche il gatto o il cane e più in
grado di fornire conforto. La soluzione diventa: reiterare; adottando
un altro animale alla ricerca di nuovi stimoli e ripetere la cosa per
molte volte. L’atteggiamento dell’uomo dongiovanni: una continua
ricerca di conferme.
La perdita dell’animale in questo contesto apre una voragine, un lutto
profondo, la perdita di una parte di se, che allontana ancor più; anche
perché sempre più incompresi .
Proviamo adesso ad osservare l’altra faccia della medaglia: l’animale.
Molto più il cane, come si sa animale sociale, ma anche il gatto vive
un rapporto così pieno con grande intensità. Chiariamo subito che ciò
che vivono, per quanto possa sembrare un po’ schematico, è una gamma di
stimoli che coinvolgono la sfera sensitivo-cognitiva. Stimoli acustici
(richiami continui, uso del nome ad essi assegnato, registri di voce
modulati, ecc. ), stimoli visivi (la presenza di persone in casa
determina sempre un’azione quindi interesse), stimoli gustativi ( il
biscotto, la fettina buona, ecc.) stimoli tattili (frequente contatto
fisico), stimoli olfattivi (ricordiamo la grande sensibilità olfattiva
del cane che stabilisce la presenza del suo padrone anche dall’odore ).
Tutto questo in un rapporto bidirezionale.
Il cane, il gatto centro d’attenzione. Perché lo specchio è il centro
dell’attenzione di chi osserva anche se dell’atto ne diventa solo
strumento. Visto dal lato dell’animale questo è essere il centro del
mondo. Cosa succede quando tutto ciò viene a mancare? Pur di non
perdere il pozzo dove andare a pescare non si stabiliscono regole
certe? E quando improvvisamente in un batti baleno necessita
trasformare il ” libertino ” in un perfetto soldatino di piombo? Crisi.
Di ciò si potrebbe parlare per dei giorni.
La difficoltà è provocata dall’incoerenza, l’imprevedibilità, la
mancanza di uno schema di cui tanto hanno bisogno, vista la bassa
capacità di astrazione;l’isolamento sociale intra specifico, la
difficoltà a svolgere i propri moduli comportamentali spontanei e non
solo quelli antropomorfizzati. Quindi Crisi psicologica oppure fisica
o entrambe.
Purtroppo la patologia e uno degli strumenti di rapporto della persona
che vive il suo animale-specchio; per questo le ” magagne ” hanno
spesso lunga durata. La malattia e funzionale al rapporto, gli animali
coinvolti ” hanno sempre qualcosa”.
La caratteristica di un’esperienza del genere è di instaurarsi in modo
subdolo, insidioso. Spesso ci si accorge solo quando qualcuno lo fa
notare, e con una certa difficoltà di ammissione.
L’animale non sarà mai la soluzione delle pene dell’animo umano. Lo
sforzo, specialmente da parte dei più sensibili, è di prevenire o
eventualmente controllare sin dai primi segnali eventi che possono far
perdere l’equilibrio spingendo in una situazione non facile poi da
correggere.
Con questo non si vuol dire che se si passa un pomeriggio al buio sul
letto con il gatto sulla pancia ciò debba essere visto con allarme;
bisogna solo avere la capacità di cogliere i segnali.
Vorrei chiarire che con questi miei pensieri non ho voluto riferirmi a
patologia della psiche umana ma ad una alterazione del rapporto uomo-
animale che crea disagi agli animali e alle persone che con essi
convivono

About Redazione

Leggi anche

Petizione per una nuova legge contro il maltrattamento di animali

“La crudeltà sugli animali è il tirocinio della crudeltà sugli uomini” Orazio PETIZIONE PER UNA …