I nostri migliori amici hanno quattro zampe, anche nei momenti difficili

Quest’anno abbiamo vissuto (e stiamo, purtroppo, ancora vivendo) un periodo decisamente unico (e speriamo irripetibile) della nostra vita, almeno dal dopo guerra ad oggi. Da quella che inizialmente era stata identificata da alcuni come una normale influenza, come quelle a cui dobbiamo far fronte ogni anno, nata a Wuhan, la cittadina cinese ormai tristemente famosa per ciò che è scaturito in seguito, siamo stato poi investiti da una emergenza sanitaria che si è presto diffusa in tutto il mondo, prima con piccoli focolai (chi non ricorda ad esempio il piccolo paesino di Codogno?) per poi trasformarsi in una pandemia che ha coinvolto l’intero globo. Ci siamo ritrovati, durante la scorsa primavera, a vivere una fase di lockdown, un vocabolo che fino ad allora praticamente nessuno conosceva e che ora è tristemente entrato a far parte del nostro lessico quotidiano: mesi trascorsi chiusi in casa, senza poter uscire se non per stretti ed indifferibili motivi di necessità e di urgenza. E abbiamo scoperto un mondo a noi totalmente ignoto.

 

La difficile fase del lockdown

In quella particolare fase ci siamo dovuti necessariamente reinventare, allontanati in modo forzato dalle nostre abitudini e dalle nostre attività quotidiane, senza poter uscire per svago con gli amici, o senza poter andare a trovare i parenti, e spesso senza neanche poter proseguire il nostro lavoro, fatte salve ovviamente quelle attività ritenute necessarie per il normale svolgimento della vita, come ad esempio per quanto riguarda i lavori legati all’approvvigionamento di beni di prima necessità e per quelli in ambito medico e sanitario che, anzi, si sono trovati improvvisamente sommersi da enormi responsabilità e dai rischi che ha comportato affrontare quella difficile situazione. In questo isolamento siamo stati costretti a trovare nuovi modi di trascorrere le giornate, costruendo in breve tempo nuove abitudine e diversi stili: molti si sono impegnati in cucina, chi non ricorda ad esempio le pizze fatte in casa da una miriade di persone? Ma sono stati tantissimi i modi per cercare di trascorrere serenamente i periodi di isolamento.

 

Con un animale domestico non si è mai soli

Chi ha un animale domestico sa quanto amore sia in grado di regalarci. I cani o i gatti domestici sono i nostri compagni di vita, ci seguono, ci donano gioia, amicizia, emozioni e sicuramente, talvolta, anche qualche preoccupazione. Non mancano infatti gli attimi di tenerezza, e i dispetti! Ma in ogni caso entrano a far parte in modo prepotente della nostra vita, e diventano parte del nostro nucleo familiare. Perché allora abbiamo iniziato questo articolo parlandovi di questo strano anno e del lockdown? Perché in particolare quest’anno, chiusi in casa, abbiamo potuto vivere fianco a fianco con i nostri amici a quattro zampe, abbiamo potuto trascorrere con loro molto più tempo, in molti casi tutte le giornate, come magari non ci capitava da tempo, a causa dei mille impegni di una vita frenetica che spesso ci vede uscire di casa la mattina per poi rientrare la sera. In quarantena il nostro rapporto con gli animali domestici è sicuramente diventato ancora più saldo, con noi a far compagnia a loro ma soprattutto con loro a far compagnia a noi. Chi ad esempio si è trovato a vivere da solo per tanto tempo, senza poter incontrare nessuno, ha trovato nel proprio animale domestico un fantastico alleato per combattere la solitudine, anche per superare momenti difficili e non deprimersi per una fase che ha messo a dura prova molte persone.

 

Prendersi cura degli animali domestici anche quando non ci sono più

Purtroppo i nostri amici, per quanto siano davvero fantastici, hanno una caratteristica che ci porterà quasi sempre ad affrontare un momento molto difficile, e chiunque abbia o abbia avuto un animale domestico già immagina di cosa stiamo parlando in questo momento: i nostri amici vivono, in media, molto meno a lungo di noi. Questo, di conseguenza, ci vedrà, prima o poi, di fronte al difficile momento in cui il nostro fidato amico ci lascerà, con un dolore e un vuoto che sono difficilmente spiegabili a chi non ha mai affrontato questa situazione. E, per l’amore che ci hanno dato, meritano di essere ricordati nel migliore dei modi, con tutti i prodotti, come ad esempio quelli di https://anima-li-amo.it/prodotti, per dar loro una degna sepoltura e a noi il ricordo di tutti i momenti di felicità che abbiamo trascorso insieme.

About Redazione

Leggi anche

Pulci nel cane e nel gatto: consigli utili per prevenirle ed eliminarle

Le pulci sono piccoli insetti che si nutrono del sangue degli animali e che possono …